giovedì 8 dicembre 2016

Wanted in Rome

I'm very glad and pleased to be on the December cover page of Wanted in Rome with an illustration from Campo de' Fiori. Many thanks to Andy Devane and Wanted in Rome for the opportunity!


Sono davvero onorato di essere presente sulla copertina di Wanted in Rome di Dicembre con una illustrazione da Campo de' Fiori. Molte grazie ad Andy Devane e Wanted in Rome per l'opportunità!


lunedì 28 novembre 2016

Hong Kong Exhibition

Very pleased and honored to present my illustrations back in Hong Kong, in my forthcoming exhibition at the HK Central Library, from 20 to 27 of December.
Many thanks to the Goethe-Institut Rom for their always unique organization and professionality.
-
Felice e davvero onorato di presentare nuovamente le mie illustrazioni ad Hong Kong, presso la Biblioteca Centrale, nella mia prossima mostra dal 20 al 27 Dicembre.
Mille grazie al Goethe-Institut Hongkong per il loro lavoro sempre eccezionale e professionale.


mercoledì 9 novembre 2016

Endless Search

Nel 1985, Ronald Reagan si apprestava a vincere il suo secondo mandato.


Nel Giugno del 1984, Bruce Springsteen aveva fatto uscire il suo 7° album, "Born in the USA", trasformando sostanzialmente la sua immagine al di fuori dei confini nazionali, da musicista per intenditori e appassionati, alla più grande rock star internazionale in quegli anni: una forma di rock star così vicina al termine pop star della metà degli anni '80, da raccoglierne anche il suo significato più deteriore.

Di fatto, la stragrande maggioranza del pubblico fuori dagli Stati Uniti ha conosciuto Springsteen e si è fatta un'idea sulla sua musica, con quell'album e fu solo dopo Born in the USA che cominciò a riempire gli stadi al di fuori degli Stati Uniti: un concerto come quello tutto esaurito di San Siro nell''85, due anni prima non sarebbe stato neppure immaginabile.

All'apice del successo di quell'album, Ronald Reagan pensò bene di tentare di utilizzare il singolo "Born in the USA" per la sua campagna di secondo mandato, di fatto cercando di sfruttarne la potenza coinvolgente e apparentemente patriottica, senza aver compreso (e forse neppure ascoltato) il significato tragico di quel testo.

Springsteen naturalmente gli negò l'uso del brano, ma Reagan si espresse comunque: "America's future rests in a thousand dreams inside your hearts; it rests in the message of hope in songs so many young Americans admire: New Jersey's own Bruce Springsteen. And helping you make those dreams come true is what this job of mine is all about."

Pochi giorni dopo arrivò la risposta di Springsteen introducendo Johnny 99 in un concerto a Pittsburgh, un brano sulla disoccupazione e la violenza che genera: "The President was mentioning my name the other day, and I kinda got to wondering what his favorite album musta been. I don't think it was the Nebraska album. I don't think he's been listening to this one."

In pochi infatti sapevano che Born in the USA Springsteen l'aveva scritto nel 1981 e sarebbe dovuto rientrare nella selezione dell'album Nebraska uscito nel 1982: il suo disco più cupo, duro ed intimista; senza nessuna speranza nei testi così come nelle sonorità. 

Lo registrò da solo, nella sua cucina, con un multitraccia portatile a 4 piste e venne messo su vinile letteralmente così come era nato.


Nelle parole di Springsteen: "Born in the U.S.A. is about "a working-class man" in the midst of a spiritual crisis, in which man is left lost... It's like he has nothing left to tie him into society anymore. He's isolated from the government. Isolated from his family... to the point where nothing makes sense... Promotes the fact that the endless search for truth is the true American way"

Nebraska lasciò senza fiato tutti quelli che lo seguivano, anche perchè totalmente imprevisto, dopo le sonorità debordanti del precedente album doppio di The River. 
Fu con Nebraska che Springsteen fece capire chiaramente che non era il pubblico a governare le sue scelte musicali.

Oggi è la giornata giusta per riascoltare la versione originale di Born in the USA.


Tutto il disco Nebraska andrebbe riascoltato ogni tanto e andrebbero riletti i suoi testi, per comprendere la grandezza di questo musicista.