venerdì 22 aprile 2016

Wien Museum Neu - Experiencing Der Kuss



WMN competition - Progetto: Fabio Barilari Architetti

Augmented Topography
Un'architettura per Vienna, un'architettura che sia elegante come Vienna;
Che accolga al suo interno tutte le geometrie del contesto.
E una passeggiata che si sviluppa dentro e sul Museum Neu: Un nuovo percorso, pubblico, sul Nuovo Museo della città.
Un prospetto urbano, per la città e un prospetto, differente, per il parco e contro il cielo grigio di Vienna
Il Giardino, l'Oro, il Bacio di Klimt,
solo per Vienna.

Augmented Topography
An architecture for Wien, an architecture elegant as Wien;
which welcomes in its interiors all the context geometries.
And walks that develop inside and on the Museum Neu: A new public path, on the New Museum for Wien.
An urban elevation, for the city and a different elevation for the park, in front of the gray Wien sky.
The Garden, the Gold, The Kiss by Klimt,
only for Wien












STUDI







---

Tamman Azzam Kiss - Syria

giovedì 14 aprile 2016

Rothko Path

LCD24032016 - "Living Color Drawing" series _ Fabio Barilari

"Silence is so accurate"

Mark Rothko

mercoledì 6 aprile 2016

Windows

Picture House - Barilari Architetti

Su Pinterest, digitando "window", siamo la prima immagine della serie. 
A distanza di anni dal completamento di questo progetto e dalla sua prima pubblicazione su The Architectural Review, fa piacere vedere che continua ad essere apprezzato.

On Pinterest, typing "window", we are the first image in the series. 
Several years after the completion of this project and after its first publication on The Architectural Review, I'm pleased to see that it continues to be appreciated.


venerdì 1 aprile 2016

Fragile Yemen

Viaggiando ci s’accorge che le differenze si perdono: ogni città va somigliando a tutte le città, i luoghi si scambiano forma ordine distanze, un pulviscolo informe invade i continenti.
- Italo Calvino

© Agnes Montanari - Sana'a Underworld

Per arrivare a Sana'a, la capitale dello Yemen, da Roma, occorrerebbero circa 6 ore.
In pratica, sarebbe possibile fare colazione la mattina presto, con cornetto e cappuccino, di fronte al ForoRomano e pranzare nel primo pomeriggio con un Saltah, nella Città Vecchia di Sana'a.

50 anni fa, avrei impiegato su per giù lo stesso tempo per andare a pranzo sul Canal Grande.

100 anni fa, un contadino che volesse emigrare, diciamo dalla Sicilia, verso il Nord, in 6 ore probabilmente non avrebbe raggiunto neppure lo Stretto.


Tornando alla colazione: abbiamo una percezione della geografia rimasta ancorata a distanze calcolate con metodi vecchi di almeno 50 anni, per cui ci consideriamo parte di una comunità in funzione di percorsi ed ambiti geografici che, molto semplicemente, ora non esistono più.
Il nostro senso di appartenenza geografica è rimasto fermo ad una organizzazione mentale vecchia, se non antica, mentre contemporaneamente i tempi di connessione, geografica e virtuale, si sono sviluppati in maniera esponenziale.

© Marco di Lauro - Sana'a, Yemen

Credo dipenda da questo, almeno in parte, il fatto che una notizia come la distruzione del museo archeologico di Dhamar in Yemen, con le sue decine di migliaia di reperti, avvenuto in poco più di 1 secondo, pochi mesi fa, non arriva sul nostro schermo e, se anche arriva, scivola via anche in meno di 1 secondo.

Tornando alla colazione, se arrivati a Venezia scoprissimo che nell'arco della mattinata è stato raso al suolo il Palazzo Ducale, scopriremmo contemporaneamente una altrettanto dirompente esplosione dei media nel comunicare quello che è successo, in grado di creare un'eco emotiva anche in coloro che non hanno mai avuto il minimo interesse non dico in quella splendida architettura, ma neppure nei beni culturali nel senso più superficiale del termine.

Beni della cultura.
© John Andersen - Shibam, Yemen

D'altra parte, ad un contadino siciliano che nel 1916 si stesse per mettere in viaggio verso il nord, una notizia del genere forse sarebbe scivolata addosso con la stessa leggerezza con cui noi apprendiamo della devastazione che si sta compiendo da circa un anno in Yemen.
In altri termini, se la stampa svolgesse il suo compito allineata con una consapevolezza geografica attuale, forse percepiremmo tutto il peso devastante che porta con se la distruzione, in 1 secondo, di un bene che trasmette una memoria collettiva di 8000 anni di storia, riducendo di fatto una comunità ad una sorta di entità lobotomizzata, priva di memoria.



Perchè è questo quello che succede: quando si distrugge il patrimonio culturale di un popolo, viene lobotomizzata una società.

Naturalmente dopo il raid ci sono i saccheggi.
Solo che, tornando alla colazione, nel restare comodamente ancorati alla nostra idea della geografia vecchia di almeno cinquanta anni, possiamo far finta che la cosa non ci riguardi.

© Agnes Montanari - Sana'a Underworld

Lo Yemen ha circa 24 milioni di abitanti di cui circa 20, in questo momento, secondo l'Unicef, hanno bisogno di una qualche forma di assistenza umanitaria.
Il paese ha quattro siti dichiarati patrimonio dell'Unesco e 10 altri luoghi per i quali è stata richiesta tale nomina e la devastazione in corso su tali siti, durante i raid aerei sauditi in Yemen nel corso di circa un anno di guerra, è talmente ampia da aver reso necessaria la suddivisione di tale distruzione in 5 categorie: le città; i monumenti come moschee, cittadelle, forti; i siti archeologici; i reperti archeologici; i musei.

Non si tratta di Isis.


Tecnicamente parlando, le dinamiche e la rapidità di distruzione ed azzeramento di questa memoria collettiva sono di una tale dimensione, da rendere necessario lo sviluppo di una nuova teoria del restauro e l'adozione di strumenti e tecniche aggiornati che siano in grado di abbracciare metodi, finalità e componenti emotive da dover recuperare e tramandare, nell'intervenire su un patrimonio culturale devastato in questo modo.
Perchè nessuna altra epoca precedente ha avuto questa semplicità ed immediatezza nell'azzeramento di una cultura plurimillenaria.

© Agnes Montanari - Sana'a Underworld

Ma’rib, Aden, Dhale, Sa’ada, Ta’iz, Hodayda, Shabwa, Hajjah: sono tra i siti archeologici distrutti fino ad oggi nei bombardamenti sauditi.

Lo scorso 25 Febbraio, dopo quasi un anno dall'inizio della guerra nel Marzo del 2015, l'Unione Europea ha votato si all'embargo delle armi nei confronti della coalizione saudita e, fino ad allora, solo la Germania aveva deciso, nel Novembre 2015 di chiudere qualunque trasferimento di armi al regno saudita, fino ad allora, uno dei suoi clienti migliori in questo settore.

© Fabio Barilari

Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d’avere: l’estraneità di ciò che non sei più o non possiedi più t’aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti.
- Italo Calvino

Beautiful Yemen, ma con l'audio spento.