domenica 27 settembre 2020

Chiribiquete


"Chiribiquete: la "Cappella Sistina" della pittura rupestre, in Amazzonia

Una città nel sud della Colombia ospita alcune delle pitture rupestri più impressionanti del mondo. Chiribiquete è conosciuta tra gli archeologi latinoamericani come la "Cappella Sistina" dell'Amazzonia. Questo parco nazionale è stato dichiarato patrimonio culturale e biologico dell'umanità dall'UNESCO nel 2018." 

"Nella lingua Karijuna, parlata dagli indigeni che abitavano la regione, Chiribiquete significa "collina dove è disegnata". Poco si sapeva di questo luogo, fino a quando Carlos Castaño, un archeologo e antropologo colombiano, dovette fare un viaggio nell'Amazzonia colombiana nel 1986. Lì trovò un tesoro perduto: più di 75.000 pitture rupestri raffiguranti la ricca diversità biologica della regione.

È una delle le più antiche manifestazioni culturali del continente: i ricercatori stimano che alcuni dei disegni potrebbero essere stati realizzati circa 20.000 anni fa."

_ da UOL


"Il parco di Chiribiquete si trova tra i dipartimenti di Guaviare e Caquetá. Ha una superficie di 4.268.095 ettari.

Per più di 30 anni è stato sotto il controllo di Pablo Escobar e recentemente dai guerriglieri delle FARC, un fatto che lo ha tenuto sconosciuto e reso impossibile la sua esplorazione. Ad oggi rimane uno dei territori più inesplorati del mondo.

Si ritiene che le popolazioni indigene abitino l'interno che si è isolato volontariamente dal mondo esterno, come nel caso della tribù Karijona, con la quale il contatto è stato perso più di un secolo fa.

Ha il più vasto complesso pittografico di arte rupestre del continente."

_ da BAQUIANOS

Chiribiquete National Park _ © Grupo Éxito, Fundación Ecoplanet, OFF The Fence

"Nel maggio 1943 il biologo americano Richard Evans Schultes descrisse per la prima volta l'arte rupestre della Sierra del Chiribiquete. Alcune di tali pitture rupestri furono fotografate per la prima volta dal geologo Jaime Galvis tra il 1986 e il 1987. Ulteriori ricerche furono realizzate da Carlos Castaños, ex direttore del Parques Nacionales Naturales de Colombia, e dal geologo e paleontologo olandese Thomas van der Hammen dal 1990 al 1992.

Nel 2014 il cineasta britannico Mike Slee e il fotografo ed esploratore colombiano Francisco Forero Bonell hanno fotografato e filmato le pitture rupestri sulle pareti verticali all'interno del parco

Il parco conserva oltre 75.000 petroglifi che risalgono fino al 20.000 a.C. ed altre tracce artistiche preistoriche, per un totale di oltre 600.000 opere."

_ da Wikipedia



lunedì 21 settembre 2020

Workshop di Disegno Urbano | Le pose della città

𝗪𝗢𝗥𝗞𝗦𝗛𝗢𝗣 𝗗𝗜 𝗗𝗜𝗦𝗘𝗚𝗡𝗢 𝗨𝗥𝗕𝗔𝗡𝗢 | 𝗟𝗲 𝗽𝗼𝘀𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗶𝘁𝘁𝗮̀

𝗙𝗮𝗯𝗶𝗼 𝗕𝗮𝗿𝗶𝗹𝗮𝗿𝗶


Dal 2 OTT, ore 18:00 al 4 Ott. ore 14:00
Piazza San Cosimato, 39

Ciascuno di noi riceve specifici stimoli ed emozioni dall'ambiente in cui si muove: durante il workshop impareremo a riconoscere e a trasmettere queste impressioni su carta, attraverso differenti tecniche di disegno e di colorazione.

D’altra parte il disegno è un mezzo di espressione primaria molto più antico della parola.
𝗣𝗲𝗿 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗶 𝗰𝗼𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗰𝗵𝗲 𝗮𝗺𝗮𝗻𝗼 𝘃𝗶𝗮𝗴𝗴𝗶𝗮𝗿𝗲 𝗲 𝗿𝗮𝗰𝗰𝗼𝗻𝘁𝗮𝗿𝗲 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗼 𝘃𝗶𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼, 𝗽𝗲𝗿 𝗴𝗹𝗶 𝗨𝗿𝗯𝗮𝗻 𝗦𝗸𝗲𝘁𝗰𝗵𝗲𝗿𝘀 𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗰𝗵𝗶 𝗮𝘀𝗽𝗶𝗿𝗮 𝗮 𝗱𝗶𝘃𝗲𝗻𝘁𝗮𝗿𝗹𝗼, 𝗽𝗲𝗿 𝗰𝗵𝗶𝘂𝗻𝗾𝘂𝗲 𝗮𝗺𝗶 𝗱𝗶𝘀𝗲𝗴𝗻𝗮𝗿𝗲 𝗲 𝗰𝗼𝗹𝗼𝗿𝗮𝗿𝗲: 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗲̀ 𝗶𝗹 𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗴𝗶𝘂𝘀𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝘃𝗼𝗶.

𝗡𝗼𝗻 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗿𝗶𝗰𝗵𝗶𝗲𝘀𝘁𝗲 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗶𝗰𝗼𝗹𝗮𝗿𝗶 𝗰𝗼𝗻𝗼𝘀𝗰𝗲𝗻𝘇𝗲 𝘁𝗲𝗰𝗻𝗶𝗰𝗵𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗲𝗰𝗶𝗽𝗮𝗿𝗲; il corso si focalizza principalmente sul disegno e la tecnica dell'acquerello.

𝗨𝗻 𝘄𝗲𝗲𝗸𝗲𝗻𝗱 𝗱𝗲𝗱𝗶𝗰𝗮𝘁𝗼 𝗮𝗹 𝗱𝗶𝘀𝗲𝗴𝗻𝗼.
N° Posti: min. 8 - max. 15

Per ulteriori informazioni: 

𝗵𝘁𝘁𝗽𝘀://𝗶𝘀𝘀𝘂𝘂.𝗰𝗼𝗺/𝗼𝗳𝗳-𝗼𝗳𝗳𝗶𝗰𝗶𝗻𝗮𝘀𝘁𝗿𝗮𝗼𝗿𝗱𝗶𝗻𝗮𝗿𝗶𝗮/𝗱𝗼𝗰𝘀/𝗼𝗳𝗳-𝘄𝗼𝗿𝗸𝘀𝗵𝗼𝗽_𝗳𝗯𝗮𝗿𝗶𝗹𝗮𝗿𝗶

PER PRENOTARSI SCRIVERE A:
𝗼𝗳𝗳@𝗼𝗳𝗳𝗶𝗰𝗶𝗻𝗮𝘀𝘁𝗿𝗮𝗼𝗿𝗱𝗶𝗻𝗮𝗿𝗶𝗮.𝗶𝘁

Evento organizzato da
𝗢𝗙𝗙 - 𝗢𝗳𝗳𝗶𝗰𝗶𝗻𝗮 𝗦𝘁𝗿𝗮𝗼𝗿𝗱𝗶𝗻𝗮𝗿𝗶𝗮

POLITICHE ANTI COVID19
Il workshop è pensato e strutturato tenendo in considerazione le norme di distanziamento fisico e protezione individuale previste negli standard indicati dall’ISS: igienizzazione degli ambienti, ampi spazi di lavoro e uso di mascherine (a carico dei partecipanti) obbligatorio negli spazi chiusi.

Costo: 150€
Aperitivo introduttivo Venerdì 2 Ottobre ore 18
_________

Fabio Barilari

Architetto, pittore e illustratore, insegna progettazione architettonica e disegno a Roma. Nel suo curriculum vanta collaborazioni con La Sapienza e le università americane Arcadia University, California Polytechnic, Cornell University e Iowa State University. Ha collaborato con numerosi studi di architettura e dal 2016 illustra le principali città tedesche per il Goethe-Institut. Nel 2018 ha ricevuto una menzione speciale a Lucca Comix dalla Bao Pubblishing.  

#illustration #workshop #art #design #school #trastevere #rome #event #exhibition #drawing #handmade #writing #play #share #workspace #stayhome #hom #childrenillustration #childrenillustration #book #comics #urbanphotography #urbansketchers #singlehandedly_book

domenica 30 agosto 2020

ARCHIZOOM Lectures

Honored to be invited to take part in this Fall series of lectures organized by prof. Beatriz Gomes-Martin FHEA RIBA ARB OASRS Architecture Level 6 Leader - DipArch MScUrbanPlanning MArch PGCE (HE)

D3SIGN

Birmingham School of Architecture and Designbcu.ac.uk/architecture-and-design

Many thanks to BeaMartin


#architecturalreview #drawingarchitecture #designresearch #archilibs #arqsketch #iarchitectures #architexture #architecturalnotation #dezeenmagazine #experimentalarchitecture #architecturedrawing #architectura #visualarts #domus #graphic #architecturetheory #drawings #frame #arch20 #designboom #singlehandedly #drafting #architecturedesign #visualarchitects #architecturelife #drawingarchitecture #designresearch #arqsketch #iarchitectures #archisketcher


venerdì 21 agosto 2020

Hobo Blues


John Lee Hooker _ Early Life

Hooker's date of birth is a subject of debate; the years 1912, 1915, 1917, 1920, and 1923 have been suggested. Most sources give 1917, though at times Hooker stated he was born in 1920. Information in the 1920 and 1930 censuses indicates that he was born in 1912. In 2017, a series of events took place to celebrate the purported centenary of his birth. In the 1920 federal census, John Hooker is seven years old and one of nine children living with William and Minnie Hooker in Tutwiler Mississippi.
It is believed that he was born in Tutwiler, Mississippi, in Tallahatchie County, although some sources say his birthplace was near Clarksdale, in Coahoma County. He was the youngest of the 11 children of William Hooker a sharecropper and Baptist preacher, and Minnie Ramsey. 
The Hooker children were permitted to listen only to religious songs; the spirituals sung in church were their earliest exposure to music. In 1921, their parents separated. The next year, their mother married William Moore, a blues singer, who provided John Lee with an introduction to the guitar 
Moore was his first significant blues influence. He was a local blues guitarist. 
Another influence was Tony Hollins, who dated Hooker's sister Alice, helped teach Hooker to play, and gave him his first guitar. For the rest of his life, Hooker regarded Hollins as a formative influence on his style of playing and his career as a musician. 
At the age of 14, Hooker ran away from home, reportedly never seeing his mother or stepfather again. In the mid-1930s, he lived in Memphis, Tennessee.
He worked in factories in various cities during WWII, eventually getting a job with the Ford Motor Company in Detroit in 1943. He frequented the blues clubs and bars on Hastings Street , the heart of the black entertainment district, on Detroit's east side. In a city noted for its pianists, guitar players were scarce. Hooker's popularity grew quickly as he performed in Detroit clubs, and, seeking an instrument louder than his acoustic guitar, he bought his first electric guitar.