sabato 12 maggio 2012

Questa è la stanza


Ci sono due persone che amo senza conoscerle. Probabilmente, se le conoscessi di persona smetterei di amarle, ma intanto le amo.
Uno è Keef Richards. L’altro è Gipi.
Il primo ha fatto tanta musica e tanta vita. Il secondo ha fatto alcuni tra i più bei racconti illustrati che siano stati pubblicati e ora fa il regista.
Del secondo ho due disegni originali davanti alla mia scrivania, che mi controllano sempre mentre disegno.


Oggi i due si sono incontrati a pag. 477 del libro “Life”, autobiografia del primo:

“Subito dopo Exile, arrivò tanta nuova tecnologia che perfino il fonico più intelligente del mondo non sapeva cosa stesse succedendo. Com’è che ai tempi di Denmark Street riuscivo ad ottenere un bel suono di batteria con un solo microfono e adesso, con una quindicina di microfoni, viene fuori un suono di batteria che sembra qualcuno che caga su un tetto di latta? (…) poi il bassista veniva isolato, così tutti si ritrovavano in questi cubicoli e piccionaie. Stai suonando in una stanza enorme e non ne utilizzi neanche un po’. Questa idea di separazione è la completa antitesi del rock n’ roll, che consiste in un gruppo di persone in una stanza, che creano un suono e si limitano a catturarlo. Si tratta del suono che producono insieme, non separati. (…) Ed io cominciai a pensare: che cosa mi aveva spinto a fare musica? Quella gente che faceva dischi in un’unica stanza con tre microfoni. Non si mettevano a registrare ogni minimo dettaglio della batteria o del basso. Registravano la stanza. (…) 
Di fatto non hai bisogno di uno studio, ma di una stanza”
Keith Richards – “Life” 

Questa è la stanza” è il titolo di uno dei racconti del secondo, Gipi, per l'appunto. Ed è un bellissimo racconto oltre ad avere dei bellissimi disegni, tipo questo qui:

Gipi - Questa è la Stanza
“Questa è la stanza” poteva anche essere il titolo alternativo di questo blog. E domani si va nella stanza

2 commenti:

  1. Gipi lo conosco personalmente, Ti assicuro che a conoscerlo di persona non smetteresti di amarlo. Anzi !!

    RispondiElimina
  2. Una conoscenza che ti invidio...
    Guarda, in realtà l'ho incontrato tempo fà ed ho avuto la stessa impressione. D'altra parte, non penso possa essere altrimenti, vista la bellezza dei suoi libri.
    La mia frase in realtà era più generica: qualità dell'opera e qualità dell'artista non necessariamente coincidono: Richards esprime molto bene questo punto parlando (malino) di Chuck Berry, nel suo libro.
    Tra l'altro, a riprova di quanto dici, pochi giorni dopo il mio post ho ricevuto una bella mail di Gipi, in risposta.

    RispondiElimina