venerdì 20 marzo 2015

Postkarten Deutschland _ Day 1

Questa seconda fase del progetto, iniziato nel 2013 in collaborazione con il Goethe-Institut, prosegue la ricerca, l'analisi, il racconto delle principali cittá tedesche, lette attraverso il programma di grande ed articolato sviluppo delle biblioteche in tutto il paese.
I risultati della prima fase vennero presentati nella mostra  "Lire la Ville" lo scorso anno a Lyon in Francia.
Ringrazio, in modo particolare, Christina Hassenau e Claudia Giusto del Goethe-Institut Roma, per il loro preziosissimo e costante contributo.

Il diario di viaggio comincia qui
---


Olympiastadion in Munich, Germany

Situated at the heart of the Olympiapark Munchen in northern Munich, the stadium was built as the main venue for the 1972 Summer Olympics, with an original capacity of 80,000 people.


Designed by the German architect Gunther Behnisch and the engineer Frei Otto (together with landscape designer Gunther Grsimek and  Leonhardt + Andra studio), the lightweight tent construction of the Olympiastadion was considered revolutionary for its time. Included large sweeping canopies of acrylic glass stabilized by steel cables that were used for the first time on a large scale. The idea was to set a counterpart to the 1936 Summer Olympics in Berlin, held during the Nazi regime. The sweeping and transparent canopy was to symbolize the new, democratic and optimistic Germany. 

A photo posted by @fabio_barilari on

Il 9 Marzo scorso è scomparso Frei Otto, il giorno dopo aver saputo di essere stato insignito del Pritzker Prize, il Nobel nell'ambito dell'architettura, la cui cerimonia ufficiale avverrà il prossimo Maggio a Miami.
Otto era nato nel 1925, mentre Gunther Behnisch, nato nel '22, é scomparso giá nel 2010   

Con queste parole, Lord Peter Palumbo, Chair of the Jury of the PritzkerArchitecture Prize, presenta Frei Otto e la sua opera. 
Le ultime righe, particolarmente belle, ne fotografano tutto il talento e l'importanza, gli corrispondono e non sono parole dettate dalla circostanza:

"Time waits for no man. If anyone doubts this aphorism, the death yesterday of Frei Otto, a titan of modern architecture, a few weeks short of his 90th birthday, and a few short weeks before his receipt of the Pritzker Architecture Prize in Miami in May, represents a sad and striking example of this truism. His loss will be felt wherever the art of architecture is practiced the world over, for he was a universal citizen; whilst his influence will continue to gather momentum by those who are aware of it, and equally, by those who are not.
Frei stands for Freedom, as free and as liberating as a bird in flight, swooping and soaring in elegant and joyful arcs, unrestrained by the dogma of the past, and as compelling in its economy of line and in the improbability of its engineering as it is possible to imagine, giving the marriage of form and function the invisibility of the air we breathe, and the beauty we see in Nature."    

Nei giorni scorsi sono arrivato a Monaco, dove non ero ancora mai stato, e dovevo certamente cominciare dall'Olympiastadion Park, che per me rappresenta una delle migliori espressioni dell'architettura del secolo scorso, in grado di mostrare ancora oggi tutto il potenziale dirompente della ricerca contemporanea in questa disciplina.


A photo posted by @fabio_barilari on

Frei Otto era cresciuto a Berlino e cominció a studiare architettura prima di essere arruolato nel '43, a 18 anni, come pilota della Luftwaffe nazista.

Cerco di ricordare cosa stessi facendo io a 18 anni. 

E’ stato catturato nel 1945 ed imprigionato per due anni in un campo POW (prisoniers-of-war) a Chartres, in Francia, dove ha svolto successivamente il ruolo di architetto del campo. 
Questa esperienza lo portó ad un interesse nei confronti delle strutture leggere, a carattere temporaneo, realizzate con materiali ridotti all'essenziale. 

Dopo la guerra e la sua liberazione nel '47, ha ripreso gli studi e, vincendo una borsa di studio, ha potuto intraprendere un viaggio in America a visitare le opere di Wright, Saarinen, Neutra, Eames.

Si é laureato in architettura nel '52, a 27 anni. Poi ha ripreso gli studi per un dottorato in ingegneria civile completato nel 1954 con la tesi "The Suspended Roof, Form and Structure", che sarebbe stata successivamente tradotta in tre lingue.

Nel 1947 Berlino era questa: 



"Whereas in my youth I made models of classic fighter aircraft, Frei Otto spent his late teens as a pilot actually flying them in action" - Norman Foster in a speech to mark Otto's 80th birthday

"Spiders’ webs and soap bubbles proved a greater inspiration for this pioneering architect-engineer than the corpulant Nazi buildings of his childhood" - bdonline.co.uk


A photo posted by @fabio_barilari on


"After the war, I [wanted] to find a new way in the future to make a real revolution in architecture, remaking Germany as a peaceful country"  - F. Otto, BBC's Culture Show 2014

"He was a step ahead in pioneering computer-based procedures to determine the shape and behaviour of complex tensile shapes; and he was equally far sighted in seeking structural lessons from biological structures and grid shells" - Norman Foster

"Frei", in tedesco vuol dire "libero"


A photo posted by @fabio_barilari on

Gunther Behnisch nacque vicino Dresda. Suo padre, un maestro elementare di idee social democratiche, venne arrestato nel '33 dal governo nazista, licenziato e trasferito a Chemnitz.
La figura e gli ideali di suo padre, assieme alla crisi sociale, politica ed economica di quegli anni, furono le componenti che lasciarono maggiormente il segno nella sua formazione.

Nel '39, all'eta' di 17 anni, Gunther Behnisch si arruolo' come volontario in marina: un'alternativa meno gravosa del servizio di lavoro obligatorio o dell'arruolamento forzato.
Divenne ufficiale sommergibilista U-Boat, tra il Baltico ed il Mediterraneo e nel 1944, a 22 anni, fu promosso a comandante di sommergibile: uno dei piu' giovani comandanti U-Boat in Germania.

Continuo a pensare a cosa mi passava per la testa nei miei 22 anni.

Alla fine della guerra, arrese il suo sommergibile in Norvegia, all'Inghilterra, e venne imprigionato per due anni in un campo POW in Scozia.
Dopo la guerra, nel 1947 si iscrisse ad architettura a Stoccarda ed aprì il proprio studio nel 1952: aveva 30 anni.


A photo posted by @fabio_barilari on


A photo posted by @fabio_barilari on

Da "The realisation of an idea" - D. Gauzin-Müller

"A flat plot of land on the edge of Munich was envisaged for the erection of the most important facilities. lt was characterised by a former rubbish dump, the Nymphenburg Canal and the television tower, almost three hundred metres high. The architects transformed this area into an 'Olympic landscape' with a great deal of imagination, dexterity and sensitivity. The buildings are greatly influenced by the fact that the surrounding landscape is taken into account. There is a unique dialogue, a harmony, between the sports fields and the park, hardly to be found anywhere else.

Using a sand model, the plan transformed the originally flat area into an undulating, gently hilly landscape, into which the main sports fields are integrated. The park is designed with a great deal of diversity. There is grass for lying on, fields of flowers where one can pick marguerites, wide paths and romantic plastered stone paths, alleys of lime trees, larger groups of trees and single trees.

What was once the rubbish dump of Munich is now a mountain from which the whole site can be viewed into account. There is a unique dialogue, a harmony, between the sports fields and the park, hardly to be found anywhere else.

A lake was created at the foot of the mountain. lt reflects the gentle forms of the roofs and hills, forming its own Iandscape with alders and pastures, a marshy or a pebbly shore, reeds and waterlilies, ducks and swans. The central Coubertinplatz was staggered towards the banks of the Iake by means of grass terraces on which people can sunbathe.
Pedestrian pathways are consistently separated from roads for cars. They are designed to afford many suprising views out of and into the site. The pedestrian discovers the overlapping silhouettes of parts of the roofs and the landscape, and this arouses his curiosity. 


The park provides so many situations and moods that anyone, whether young or old, in a group or crowd, can find enjoyment.

ln order to adapt their enormous size to the scale of the natural surroundings, the architects have formed the arenas as hollows, placing the necessary adjacent rooms under the earth or under the tribunes of the sports areas. The heavy construction elements for the foundation are sunk below ground and cannot be seen.

The roof continues the movement of the ground. Despite the size of the buildings, all huge and suffocating monumentality was avoided. The roof is like an umbrella over landscaped grounds. It seems light, open and inviting. lt covers the sports areas and parts of the park in large sweeps. At some points it reaches to the ground."


A photo posted by @fabio_barilari on

Il progetto nacque da un concorso vinto da Behnisch nel 1967 e fu sviluppato tra il 1968 ed il 1972.
Nel 1968 erano trascorsi 23 anni dalla fine della guerra.

Berlino nel 1968 era questa

© Ian Kinkred

e il Muro, nel '68, aveva 7 anni

© Joe Cyr

La sede ed il simbolo delle precedenti XI Olimpiadi (quelle dei 4 ori vinti da Jesse Owens con il Fuhrer in tribuna) tenute in Germania, a Berlino nel '36, fu l'Olympiastadion progettato da Werner March e successivamente rivisto da Albert Speer, su ordine di Hitler:
Doveva svolgere un preciso ruolo di propaganda e ci riusciva perfettamente.


Rispetto a tutto questo, il progetto di Behnisch e Otto fu una risposta dirompente, che incorporava in se una prodigiosa ricerca formale, sperimentazione tecnica ed ingegneristica, un approccio interdisciplinare tra architettura, ingegneria, ricerca tecnologica e landscape design, sviluppando un rapporto di simbiosi con il contesto naturale e indirizzando la disciplina architettonica verso istanze ecologiche ed ambientali.

Portava anche con se, soprattutto, e forse inconsapevolmente, una valenza simbolica determinante per una giovane democrazia.

G. Behnisch - Olympiapark Project

In seguito, Gunther Behnisch sarebbe stato chiamato spesso come "Der Baumeister der deutschen Demokratie" l'architetto della democrazia tedesca:

"L’istanza di costruire una democrazia nel senso letterale del termine è stata il tema di fondo di ogni suo lavoro"
M. Di Robilant, Il Giornale dell' Architettura 

"The man who gave post-war Germany a new face"
Spiegel

© Diego Delso

A pochi giorni dalla scomparsa di Frei Otto, tutto il complesso sembra finito ieri: In pochi ci avrebbero scommesso, nel '72.

Mentre lo attraverso, mi sta girando in mente la Villa di Adriano a Tivoli. Un pensiero irrazionale ma ha un senso: Certamente la scala territoriale dell'intervento; il dialogo alla pari tra architettura e natura; il rispetto profondo dell'elemento naturale; la complessità, l'articolazione e la ricchezza formale che invitano, chi entra, alla ricerca continua e alla sperimentazione.
Forse, anche l'assenza di una distinzione netta tra un dentro e un fuori, che trasforma la condizione di trovarsi all'interno di un'istituzione, nel senso di trovarsi libero all'aperto.

© Jorge Royan

Poche architetture possono offrire un'esperienza così ricca e questa libertà, leggerezza, trasparenza, coraggio e vitalità, probabilmente potevano nascere solo dalla collaborazione di un sommergibilista ed un pilota di aerei della seconda guerra mondiale.

A photo posted by @fabio_barilari on


“Now it can be calculated, but for more than 40 years it was impossible to calculate it. I have not waited for it to be calculated in order to build it.”
Frei Otto



2 commenti:

  1. L'avventura comincia!

    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. :-) Si, esatto. Crepi il lupo. Se ti interessa, aggiorneró di volta in volta anche i post che pubblico, integrandoli con altre infromazioni. Grazie.

    RispondiElimina