lunedì 23 marzo 2015

Postkarten Deutschland _ Day 2

"I'm always thinking of creating. My future starts when I wake up in the morning and see the sunlight"
Miles Davis


KATHOLISCHE UNIVERSITATSBIBLIOTHEK - EICHSTATT
Arch. Gunther Behnisch

Eichstatt é una cittadina universitaria della Baviera. Conta meno di 15.000 abitanti.
Ha un centro storico piccolo, molto curato.

A photo posted by @fabio_barilari on


A photo posted by @fabio_barilari on


A photo posted by @fabio_barilari on

Ha anche 4 biblioteche importanti, contemporanee, molto ben fatte.
La Teilbibliothek 1, la Teilbibliothek 2 "Aula", la Ehem.Stats-und Biscofliche Seminar Bibliothek e la Katholische Universitatsbibliothek.

Per questo, il Dr. Klaus Kempf, direttore alla Bayerische Bibliothek di Monaco, mi ha presentato Eichstatt come una mecca per chiunque lavori in questo ambito; un contesto nel quale ottimi architetti sono stati messi nelle condizioni di esprimersi al meglio.

Prima di venire qui, conoscevo solo l'ultima, la Katholische Universitatsbibliothek, che é quella che mostro qui a seguire.


A photo posted by @fabio_barilari on


Per la precisione, la conosco dal 1987, quando venne pubblicata su L'Architettura di Bruno Zevi e quello di oggi é stato una specie di pellegrinaggio: ci si sente debitori nei confronti di opere e architetti che ti hanno insegnato qualcosa.
Questo é uno di quei progetti che torno a rileggere, ogni volta che ho dubbi sulle direzioni da prendere nella professione.

A video posted by @fabio_barilari on

E queste sono 5 cose che mi ha insegnato:

1 - Trasparenza, leggerezza e articolazione di un edificio e dello spazio che genera, sono tre componenti determinanti nell'accogliere una persona. Tra "accogliere" e "raccogliere" c'é una differenza determinante: un certo numero di persone si raccolgono in un edificio; raccogliere é un calcolo, un numero.
Per accogliere, invece, occorre sentire e trasmettere ció che si ascolta.

A photo posted by @fabio_barilari on

2 - Luce naturale: lavorata, modulata, filtrata, modificata nell'arco della giornata, ma sempre, ovunque possibile, luce naturale

A photo posted by @fabio_barilari on

3 - Progettare é un atto creativo e deve far stare bene chi lo persegue: deve essere un piacere mettersi con la matita sul foglio o di fronte al computer e cominciare a lavorare. Se non é cosí, allora c'e' qualcosa che non quadra 

A photo posted by @fabio_barilari on

4 - Lascia sempre il progetto aperto a qualunque spunto, interferenza, idea nuova. Lascia anche aperta la porta, per quanto possibile, ad assorbire l'imprevisto, l'errore, la modifica necessaria, senza che questi determinino danni irreversibili alla qualità del progetto. Al contrario, possono trasformarsi in opportunità alle quali non avevi pensato.

A photo posted by @fabio_barilari on

5 - Soprattutto: progetta in funzione di chi, volente o nolente, dovrà vivere dentro le tue idee, una volta realizzate; del contesto: urbano o naturale che sia; di chi ci girerà semplicemente intorno: magari non userà l'architettura, ma sarà costretto a vederla ogni giorno.
Di più: crea le premesse migliori affinché gli spazi che lasci possano essere personalizzati, modificati ed interpretati.

A photo posted by @fabio_barilari on

Naturalmente non può mancare un winter garden, nel quale studiare mentre fuori nevica

A photo posted by @fabio_barilari on


A photo posted by @fabio_barilari on

Ringrazio molto Dr. Gernot Lorenz per avermi descritto e mostrato con passione (e in Italiano) il lavoro svolto in questo splendida architettura dedicata allo studio e alla ricerca.


Nessun commento:

Posta un commento